Grande successo di visitatori al Castello parmense: la soddisfazione del Direttore Pier Luca Bertè

L’anno appena concluso si conferma anno record alla Rocca di Fontanellato in Provincia di Parma, servizio affidato in gestione a Socioculturale ormai da diversi anni. Si contano infatti quasi 55.000 ingressi con un incremento di oltre 3.000 presenze rispetto all’anno precedente.
Il grande afflusso si centralizza per lo più nei fine settimana mentre nei giorni feriali l’aumento è dovuto alla presenza di numerose scolaresche attratte dal classico tour del castello, ma anche dalla possibilità di svolgere laboratori didattici e creativi.

Il Direttore della Rocca Sanvitale Pier Luca Bertè esprime così la sua soddisfazione "Anche nel 2018 lo sforzo del team che gestisce la Rocca Sanvitale, come ogni anno, è stato massimo: penso che il valore aggiunto sia stato l'ottima intesa con questa amministrazione comunale con cui c'è grande sinergia e collaborazione. Da parte nostra abbiamo supportato molte iniziative, abbiamo incentivato i social network e abbiamo cercato di intercettare in maniera efficace i flussi turistici”.

Suonano gli allarmi di notte nel Castello di Fontanellato: saranno i fantasmi?


Come riporta il giornale Parmatoday, dalla fine dell’anno fatti strani stanno accadendo, soprattutto di notte e all’alba, all’interno della Rocca Sanvitale di Fontanellato. Di notte capita che l’allarme suoni all’improvviso, gli addetti alla sicurezza si recano al Castello senza però trovare malintenzionati bensì oggetti spostati inspiegabilmente nel buio.
I fatti - documentati da testimonianze degli stessi addetti alla sicurezza del Castello – si riferiscono a tre episodi ben precisi: “Il 26 dicembre nella Sala da Biliardo proprio accanto ad un quadro specifico: la tela è stata trovata spostata di alcuni centimetri e storta. Di persone vere, neppure l’ombra. Il 3 gennaio, alle ore 22, il sensore ha rilevato una intrusione nella camera nuziale: allarme a sirena spiegata, ma sul luogo, tutto tranquillo se non che un grande cassetto della canterana settecentesca, un cassettone, è stato ritrovato aperto. Il 7 gennaio, ancora in piena notte, un'altra segnalazione, di nuovo nella Sala del Biliardo accanto alla stanzetta dei cimeli di Maria Luigia dove è stata trovata la porticina lievemente aperta”.

Sabato 3 novembre ha avuto luogo l’inagurazione del punto baby pit stop presso la biblioteca di Palazzolo Sull’Oglio (BS)


“Mamma che biblio!” è un’iniziativa che si è tenuta presso la Biblioteca Civica “G. U. Lanfranchi” di Palazzolo sull’Oglio, sabato 3 novembre alle ore 10.30 per inaugurare il ‘Baby Pit Stop’: uno spazio dove le mamme potranno fermarsi per allattare i propri piccoli e cambiare il pannolino.

Il Baby Pit Stop (BPS) prende il nome dalla nota operazione del “cambio gomme con pieno di benzina” che viene effettuata durante le gare automobilistiche di Formula Uno. Nei Baby Pit Stop il cambio riguarda il pannolino e il pieno è quello del latte. Sono gesti necessari e naturali che tutte le mamme dovrebbero poter fare ovunque, ma che a volte risulta difficile fuori dalle mura domestiche, per ragioni pratiche o per tabù culturali.

In collaborazione con l’Assessorato alla Cultura di Palazzolo e con il supporto di Socioculturale, in qualità di gestore dei servizi bibliotecari di Palazzolo, si è allestito un angolo con fasciatoio, morbido cuscino, una comoda seduta e, per chi volesse, un paravento apribile a garantire riservatezza e tranquillità. Il nuovo punto è stato approvato e promosso dall’Unicef che ha fornito le vetrofanie e il materiale informativo a disposizione per tutti.
La mattinata del 3 novembre, come tante altre proposte della biblioteca pensate per promuovere l’educazione, la crescita e la creatività attraverso i libri, in linea con il programma Nati Per Leggere, è stata quindi allietata da letture animate e piccole attività ludiche a cura del personale Socioculturale.

Socioculturale promuove, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura, alla Biblioteca comunale San Giuseppe di Cassola (VI) e all’ULSS 7 Pedemontana – una rassegna di letture animate per bambini da 0 a 11 anni.
L’appuntamento inaugurale si è svolto il 7 novembre scorso ed è stato dedicato ai piccolissimi da 0 a 3 anni. Il 28 novembre si terrà una sessione dedicata ai libri pop up mentre gli ultimi due incontri saranno a tema più natalizio abbinati a laboratori creativi.
Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi alla Biblioteca San Giuseppe, 0424530275.

Ha avuto luogo lo scorso 14 ottobre a Fontanellato la conferenza di presentazione dell’artista Silvia Caimi, alla presenza anche del Direttore del Museo Rocca Sanvitale Pier Luca Bertè.


Domenica 14 ottobre alle ore 16.30 ha avuto luogo, presso il Museo Rocca Sanvitale di Fontanellato, la conferenza di presentazione della mostra dell'artista mantovana, famosa per le sue grandi tele monocrome e per le gigantografie plastiche, Silvia Caimi dal titolo “JUMP – un salto nel Tempo” in una conferenza-preview alla presenza del critico d'arte e curatore del progetto Giammarco Puntelli e della pittrice e performer.
L’esposizione completa di Silvia Caimi – importante firma nel panorama dell'arte contemporanea - sarà in carnet dall'8 marzo al 31 marzo 2019 grazie all'impegno dei gestori del Castello ed il patrocinio dell'Amministrazione Comunale.

Sono intervenuti alla conferenza:
Francesco Trivelloni, Sindaco del Comune di Fontanellato
Barbara Zambrelli, Assessore alla Cultura del Comune di Fontanellato
Pier Luca Bertè, Direttore del Museo Rocca Sanvitale di Fontanellato
Silvia Caimi e Giammarco Puntelli, critico d'arte e curatore del progetto