NEWS DA BIBLIOTECA BUCCINASCO - MILANO

Il progetto Mamma Lingua riparte in Lombardia

Dopo il successo delle prime edizioni primaverili/estive, è ripartito il tour della mostra itinerante Mamma Lingua, che interesserà nel complesso, fino al 29 marzo 2018, 20 biblioteche: 7 milanesi e 13 dislocate in diversi comuni limitrofi. La Biblioteca di Buccinasco la accoglie da sabato 18 novembre 2017 a sabato 2 dicembre. L’inaugurazione si è quindi tenuta sabato 18 novembre scorso.

Albanese, Arabo, Cinese, Francese, Inglese, Rumeno e Spagnolo sono le sette lingue maggiormente parlate in Lombardia scelte per il progetto, che prevede la realizzazione di scaffali con libri multilingue nelle biblioteche pubbliche. Una straordinaria occasione di  inclusione per le migliaia di bambini stranieri nati in Italia e per le loro famiglie. Ideata da Nati per Leggere in Lombardia in collaborazione con Ibby Italia, Mamma Lingua è stata finanziata nel 2017 da Fondazione Cariplo, dai Comuni di Milano e Melegnano, da Sistemi bibliotecari CSBNO, Fondazione per Leggere Nord Est Milano e gestita da Associazione Italiana Biblioteche, Centro per la salute del bambino e il Centro COME della Cooperativa Farsi Prossimo quale partner tecnico-scientifico nell’ambito delle problematiche interculturali.Ibby = International Board on Books for Young people è un'organizzazione internazionale fondata da Jella Lepman nel 1953 per promuovere la lettura e i libri.


>> La scelta delle lingue: se Albanese, Arabo, Cinese, Rumeno e Spagnolo sono le lingue parlate dalle comunità straniere maggiormente presenti nel nostro Paese, Francese e Inglese consentono di coprire numerose altre comunità provenienti da Africa e Asia dove queste lingue sono diventate lingue veicolari. 

>> La scelta dei libri: grazie alla collaborazione con Ibby Italia sono stati selezionati  127 albi e libri per bambini in età prescolare per dotare le biblioteche e tutti i presidi locali NpL (Nati per Leggere) di libri per stare anche con i bambini e con gli adulti che vengono da lontano, che qui possono ritrovare la propria lingua e vedere rappresentata la propria cultura. Infatti, il progetto ha previsto l’acquisto da parte delle biblioteche di una parte dei libri segnalati da Mamma Lingua. Una selezione di eccellenza, che include una ventina di classici per l'infanzia disponibili nella maggior parte delle lingue prese in considerazione. Sebbene in ogni lingua siano state privilegiate le produzioni originali, che rappresentassero i caratteri e le specificità delle produzioni editoriali di ogni area linguistica, laddove non è stato possibile trovare libri adatti ai più piccoli sono stati scelti libri tradotti da altre lingue, mettendo al primo posto il diritto dei bambini a incontrare libri nella loro lingua adeguati alla loro età. La mostra di fatto rappresenta un trampolino di lancio per attività strutturate e continuative dedicate alla lettura precoce nella lingua madre, coinvolgendo anche i genitori di origine straniera. Attraverso la mostra è stato possibile creare una rete di relazioni con adulti e genitori stranieri che ha permesso di conoscere più da vicino un aspetto del territorio poco conosciuto. Inoltre, prestandosi come lettori volontari, i genitori hanno dato la possibilità di ampliare le proposte di lettura ai bambini e agli utenti della biblioteca. È possibile seguire il progetto sui Social:


Progetto Mamma Lingua